Purevax RCPCh FeLV (Attenuated feline rhinotracheitis herpesvirus...) – Foglio illustrativo - QI06AX

Updated on site: 09-Feb-2018

Nome del farmaco: Purevax RCPCh FeLV
ATC: QI06AX
Principio Attivo: Attenuated feline rhinotracheitis herpesvirus (FHV F2 strain), inactivated feline Calicivirosis antigens (FCV 431 and G1 strains), attenuated Chlamydophila felis (905 strain), attenuated feline panleucopenia virus (PLI IV), FeLV recombinant canarypox viru
Produttore: Merial

FOGLIETTO ILLUSTRATIVO DI:

Purevax RCPCh FeLV liofilizzato e solvente per sospensione iniettabile

1. NOME E INDIRIZZO DEL TITOLARE DELL’AUTORIZZAZIONE ALL’IMMISSIONE IN COMMERCIO E DEL TITOLARE DELL’AUTORIZZAZIONE ALLA PRODUZIONE RESPONSABILE DEL RILASCIO DEI LOTTI DI FABBRICAZIONE, SE DIVERSI

Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio: MERIAL

29, avenue Tony Garnier 69007 Lyon

FRANCIA

Produttore responsabile del rilascio dei lotti di fabbricazione: MERIAL

Laboratoire Porte des Alpes Rue de l’Aviation

69800 Saint-Priest FRANCIA

2.DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE VETERINARIO

Purevax RCPCh FeLV liofilizzato e solvente per sospensione iniettabile

3.INDICAZIONE DEL(I) PRINCIPI(O) ATTIVO(I) E DEGLI ALTRI INGREDIENTI

In una dose da 1 ml:

 

 

Liofilizzato:

104,9

DICC501

Herpesvirus attenuato della rinotracheite felina (ceppo FHV F2) ..................................

Antigeni inattivati del calicivirus felino (ceppi FCV 431 e G1) ....................................

2,0 U. ELISA

Chlamydophila felis attenuata (ceppo 905) .......................................................................

103,0 DIU502

Virus attenuato della panleucopenia felina (PLI IV) ......................................................

103,5

DICC501

Eccipiente:

 

 

Gentamicina, max.............................................................................................................................

 

34 µg

Solvente:

107,2

DICC501

Virus del vaiolo del canarino (vCP97), ricombinante per FeLV .....................................

1 dose infettante il 50% delle colture cellulari inoculate.

 

 

2 dose infettante il 50% delle uova.

 

 

4.

INDICAZIONE(I)

 

 

Immunizzazione attiva dei gatti di 8 settimane, o più, di età nei confronti:

-della rinotracheite infettiva felina, per la riduzione dei sintomi clinici,

-della infezione da calicivirus felino, per la riduzione dei sintomi clinici,

-della infezione da Chlamydophila felis, per la riduzione dei sintomi clinici,

-della panleucopenia felina, per la prevenzione della mortalità e dei sintomi clinici,

-della leucemia felina, per la prevenzione della viremia persistente e dei sintomi clinici della malattia.

Studi specifici hanno dimostrato l’insorgenza dell’immunità 1 settimana dopo la vaccinazione di base per le componenti rinotracheite, calicivirosi, Chlamydophila felis e panleucopenia, e 2 settimane dopo la vaccinazione di base per la componente leucemia.

La durata dell’immunità dopo l’ultimo richiamo vaccinale è di 3 anni per le componenti rinotracheite, calicivirosi e panleucopenia, e di 1anno per le componenti Chlamydophila felis e leucemia felina.

5.CONTROINDICAZIONI

Non utilizzare nelle gatte gravide.

L’uso non è raccomandato durante l’allattamento.

6.REAZIONI AVVERSE

In normali condizioni di utilizzo, la vaccinazione può occasionalmente causare uno stato transitorio di sonnolenza, di anoressia ed ipertermia (di durata pari a 1 o 2 giorni). L’inoculazione del vaccino può provocare, al punto di inoculo, una reazione locale (leggero dolore alla palpazione, prurito, o edema circoscritto) che scompare, al massimo, nell’arco di 1 o 2 settimane.

In casi eccezionali, può manifestarsi una reazione di ipersensibilità. In tale evenienza può essere necessario un adeguato trattamento sintomatico.

In casi molto rari* sono state osservate ipertermia e letargia, a volte associate a zoppia, da una a tre settimane dopo la vaccinazione di richiamo in gatti adulti. Tali reazioni sono transitorie.

* meno di 1 animale su 10.000 animali mostra reazioni avverse durante il corso di un trattamento, incluse le segnalazioni isolate).

Se dovessero manifestarsi reazioni avverse gravi o altre reazioni non menzionate in questo foglietto illustrativo, si prega di informarne il medico veterinario.

7.SPECIE DI DESTINAZIONE

Gatti.

8. POSOLOGIA PER CIASCUNA SPECIE, VIA(E) E MODALITÀ DI SOMMINISTRAZIONE

Somministrare, per via sottocutanea, una dose (1 ml) di vaccino dopo ricostituzione dei componenti liofilizzati con il solvente, secondo il seguente schema:

Vaccinazione di base:

-prima iniezione: a partire da 8 settimane di età,

-seconda iniezione: 3 - 4 settimane dopo la prima vaccinazione.

Qualora ci si aspetti la presenza di alti livelli di anticorpi di origine materna nei confronti delle componenti rinotracheite, calicivirosi, panleucopenia o Chlamydophila (ad esempio nei gattini di 9-12 settimane di età, nati da madri vaccinate prima della gravidanza e/o con precedente esposizione all’(agli) agente(i) patogeno(i) nota o sospetta), la vaccinazione di base deve essere posticipata fino a 12 settimane di età.

Richiami:

-il primo richiamo deve essere effettuato un anno dopo la vaccinazione di base per tutte le componenti,

-i richiami successivi devono essere effettuati: ogni anno per le componenti clamidiosi e leucemia felina, e ad intervalli fino a tre anni per le componenti rinotracheite, calicivirosi e panleucopenia.

9.AVVERTENZE PER UNA CORRETTA SOMMINISTRAZIONE

Usare immediatamente dopo ricostituzione.

10.TEMPO DI ATTESA

Non pertinente.

11.PARTICOLARI PRECAUZIONI PER LA CONSERVAZIONE

Tenere fuori dalla vista e dalla portata dei bambini.

Conservare e trasportare in frigorifero (2 °C – 8 °C).

Proteggere dalla luce.

Non congelare.

12.AVVERTENZA(E) SPECIALE(I)

Precauzioni speciali per l’impiego negli animali: Vaccinare solo animali sani.

Prima della vaccinazione, si raccomanda di sottoporre gli animali ad un test per verificare che, a livello ematico, sono negativi per l’antigene FeLV.

La vaccinazione di gatti FeLV positivi non determina ad essi alcun beneficio.

Precauzioni speciali che devono essere adottate dalla persona che somministra il medicinale veterinario agli animali:

In caso di auto-iniezione accidentale, rivolgersi immediatamente ad un medico mostrandogli il foglietto illustrativo o l’etichetta.

Si consiglia, alle persone immunodepresse o in terapia con farmaci immunosoppressivi, di non maneggiare il vaccino. In caso di auto-iniezione, avvertire immediatamente il medico e informarlo che il vaccino contiene una componente viva della clamidiosi.

Gravidanza e allattamento:

Non utilizzare nelle gatte gravide.

L’uso non è raccomandato durante l’allattamento.

Interazione con altri medicinali veterinari ed altre forme d’interazione:

Sono disponibili dati di sicurezza ed efficacia che dimostrano che questo vaccino può essere somministrato lo stesso giorno ma non miscelato con il vaccino adiuvato Merial contro la rabbia.

Sovradosaggio (sintomi, procedure d’emergenza, antidoti):

Dopo somministrazione di dosi multiple, non sono stati osservati altri effetti indesiderati oltre a quelli menzionati al paragrafo “Reazioni avverse”, ad eccezione di uno stato di ipertermia che può durare eccezionalmente fino a 5 giorni.

Incompatibilità:

Non miscelare con altri medicinali veterinari con l’eccezione del diluente fornito per l’uso con il prodotto.

13. PRECAUZIONI PARTICOLARI DA PRENDERE PER LO SMALTIMENTO DEL PRODOTTO NON UTILIZZATO O DEGLI EVENTUALI RIFIUTI

Chiedere al tuo medico veterinario come fare per smaltire i medicinali di cui non si ha più bisogno. Queste misure servono a proteggere l’ambiente.

14. DATA DELL’ULTIMA REVISIONE DEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO

Tutte le informazioni su questo prodotto si trovano sul sito Web dell’Agenzia Europea per i Medicinali (http://www.ema.europa.eu/).

15.ALTRE INFORMAZIONI

Il ceppo vaccinale della leucemia felina è un virus ricombinante del vaiolo del canarino che esprime i geni env e gag del FeLV-A. In condizioni di campo, solo il sottogruppo A è infettivo e l’immunizzazione nei confronti del sottogruppo A conferisce una protezione completa nei confronti dei sottogruppi A, B e C. Dopo somministrazione, il virus esprime le proteine protettive ma non si replica nel gatto. Di conseguenza, il vaccino induce una risposta immunitaria nei confronti del virus della leucemia felina.

Il prodotto si è dimostrato in grado di ridurre l’escrezione di calicivirus felino al momento dell’insorgenza di immunità e fino ad 1 anno dalla vaccinazione.

Scatola contenente 10 flaconi da 1 dose di liofilizzato e 10 flaconi da 1 ml di solvente. Scatola contenente 50 flaconi da 1 dose di liofilizzato e 50 flaconi da 1 ml di solvente. È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.

Medicinale soggetto a prescrizione veterinaria.

Commenti